Alessandro Lepri: “Il marchio Riccione mantiene intatta la sua appetibilità”

"Ha ritrovato lo smalto migliore grazie anche alla presenza di alcune nicchie turistiche nuovamente interessate alla Riviera"
Alessandro Lepri, riccionese purosangue, lavora nel trusimo da sempre
Alessandro Lepri - Credits: Alessandro Lepri

“Il marchio Riccione mantiene intatto un forte grado d’appetibilità nell’immaginario collettivo”.

Alessandro Lepri, 60 anni, riccionese doc, si occupa di turismo da oltre 6 lustri. Dalla sua postazione, l’Osservatorio Turistico Regionale dell’Emilia-Romagna, riesce a leggere, decifrare e riassumere meglio di chiunque altro l’andamento nel mercato delle vacanze. 

Albergatori da sempre

“La mia è una famiglia di albergatori: Hotel Bambi, in prima linea, a pochi passi dal celebre Savioli Spiaggia. Ho avuto una bella infanzia. Sempre al mare, sempre in mezzo agli attori, alle soubrette, a cantanti, vip e calciatori: Pelè compreso”.

Riccione, Dna per imprenditori

“Riccione oggi è ben diversa dagli Anni Sessanta. Da quando io, in braccio al mitico Pelè ospite d’onore con la squadra del Santos per l’inaugurazione del nuovo stadio comunale, già respiravo l’imprinting aziendale capace d’orientare i fenomeni, le mode e le tendenze. Quell’imprinting credo sia rimasto dentro a tutti gli imprenditori, all’epoca giovani, fino al momento in cui ci si è interrogati sul perché la stella iniziasse ad appannarsi”.

Uno sguardo alla città attuale?

“Nell’ultimo decennio il riscatto è stato evidente. Riccione ha ritrovato lo smalto migliore anche grazie alla presenza di alcune nicchie, ad alta disponibilità di spesa, nuovamente interessate alla Riviera. Mi riferisco, è solo un esempio, ai ciclisti; a coloro, amanti delle due ruote e della vacanza attiva, provenienti dai Paesi europei e in particolare da Canada, Stati Uniti, Israele e Australia. Trovano l’ideale punto di partenza per visitare e scoprire l’entroterra, sposando un nuovo concetto del territorio concepito in distretti e destinazioni. Da qui gli operatori tradizionalmente balneari sono ripartiti coniugando mare e collina”.

Il marchio Riccione mantiene la sua appetibilità?

“Il marchio Riccione mantiene un forte grado di appetibilità nell’immaginario collettivo. E la stessa cosa accade nei confronti degli investitori interessati ad associare il loro brand alla città. Altri punti di forza sono lo stile di vita, la riccionesità, il fatto d’immergersi in un ambiente in cui la frequentazione diventa presto amicizia. E proprio il marchio Riccione potrebbe aumentare la sua appetibilità verso l’esterno con un incremento delle strutture alberghiere d’alto livello – a 5 stelle – la cui richiesta è confermata da diversi segnali raccolti in tutta la provincia”.

Tag dalla storia
Informazioni biografiche Il pensiero e l’azione hanno bisogno di parole. Parole giuste perché l’obiettivo diventi un traguardo e non si trasformi in chimera, in soffio evanescente. Scrivere per me è terapia dell’essere. È certezza di conoscenza. È fusione d’intelletto e cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *